Latifoglie
faggio
 Denominazione: Faggio

Aspetto e caratteristiche del legno: di norma di colore roseo bruniccio su tutta la sezione trasversale, anche se alcuni fusti possono presentare nella parte interna prossima al midollo una zona di colore irregolare di colore bruno cupo. I  raggi midollari sono assai evidenti, gli anelli di accrescimento poco evidente e ampi.

Peso specifico: allo stato fresco: 1050 kg/m3; dopo normale stagionatura: 730 kg/m3.

Struttura istologica: tessitura fine, fibratura spesso deviata in senso elicoidale.

Ritiro: elevato

Caratteristiche meccaniche: resistenza a compressione assiale medaiamente 60 N/mm2, a flessione 120 N/mm2, durezza da media a elevata; il comportamento all’urto è da medio a buono.

Modulo di elasticità: 14.500 N/mm2

Difetti strutturali ed alterazioni più frequenti: falso durame, fibratura elicoidale, forti tensioni interne, alterazioni cromatiche (grigiature) da funchi le cui spore sono penetrate attraverso lesioni della corteccia.

Durabilità: scadente, soprattutto nei riguardi degli attacchi fungini.

Lavorabilità: segagione, piallatura e fresatura agevole, essiccazione molto lenta, sfogliatura e tranciatura senza particolare difficoltà; incollaggio, verniciatura e tinteggiatura normale.

Impieghi principali: falegnameria , arredo, sfogliatura.