Latifoglie
Iroko
 Denominazioni: Iroko

Aspetto e caratteristiche del legno: lo spesso alburno giallognolo biancastro si differenzia nettamente dal durame il cui colore fondamentale è giallo carico con tonalità dorate tendenti talora al bruno.

Peso specifico: allo stato fresco: mediamente 1000 kg/m3; dopo normale stagionatura: 660 kg/m3

Struttura istologica: tessitura da media a grossolana, fibratura non sempre regolare, il che può favorire un piacevole apparenza di riflessi cangianti sulle sezioni longitudinali.

Ritiro: modesto, discretamente stabile

Caratteristiche meccaniche: resistenza a compressione assiale mediamente 55 N/mm2, a flessione 115 N/mm2, durezza da media a elevata; il comportamento all’urto è mediocre

Modulo di elasticità: 9.800 N/mm2

Difetti strutturali ed alterazioni più frequenti: fibratura irregolare, concrezioni calcaree nel tronco che provocano la rottura dei ferri di lavorazione

Durabilità: l’alburno è facilmente attaccato da inseti e funghi, mentre il durame presenta buona resistenza

Lavorabilità: segagione senza particolare difficoltà, salvo casi di concrezione calcaree. Essiccazione agevole; piallatura e levigatura possono essere difficoltose, cosi come per l’incollaggio e la verniciatura.

Impieghi principali: strutture costruttive, marittime e navali, pavimentazioni, infissi, arredamento e mobili.